Piccoli Giganti
Zivido, 15 settembre 1996: nell'ambito della rievocazione storica "Ritornano i Giganti" cerimonia di riconoscimento internazionale per i giovani "Piccoli Giganti". Presenti: Dr. Jacques Warin, Console Generale di Francia a Milano; Dr. Franco Besomi, Console Generale di Svizzera a Milano in rappresentanza ufficiale del Presidente della Confederazione Elvetica On. Jean Pascal Delamuraz; Dr. Ferruccio Beltrametti, Console Generale Aggiunto di Svizzera a Milano; Dr. Domenico Zambetti, Assessore al Bilancio della Provincia di Milano; On. Ferdinando Targetti, Deputato al Parlamento Italiano; Dr. Gottfried Goetz, Presidente "SocietÓ Svizzera" a Milano; Dr. Th. A. Schwizer, Presidente "Centro Svizzero Milano".

Rassegna Stampa
Ragazzi premiati per rievocare la celebre battaglia. "Giganti" di solidarietà. Sul podio un italiano, un francese e uno svizzero
Un premio verrà consegnatoad un giovane italiano, ad uno svizzero e ad uno francese durante la rievocazione della battaglia di marignano. Sarà un riconoscimento per ragazzi che hanno esempi da emulare, senza per questo diventare degli eroi, soprattutto con azioni di solidarietà e di fratellanza: un premio all'altruismo per gemellare di fatto tre nazioni protagoniste dell'epico scontro avvenuto in riva al Lambro nel 1515 nel territorio di Zivido, frazione di San Giuliano Milanese. In terra italiana, per la cocente sconfitta subita dai francesi, gli svizzeri maturarono la storica decisione di restare neutrali per sempre. Un proposito mantenuto e che quindi ha avuto una grande valenza internazionale. Il concetto di pace nato concretamente con la Battaglia dei Giganti quindi diventa un esempio pieno di significato anche per i giovani , secondo le intenzioni di Pierino Esposti , presidente dell'Associazione Culturale Zivido e ideatore del premio "Piccoli Giganti" che ha già avuto l'approvazione e la collaborazione del console francese Jacques Warin e di quello svizzero Franco Besomi.
La proposta è stata presentata ufficialmente dall'assessore alla cultura Marco Toni, che la considera un'occasione concreta per valorizzare la realtà di San Giuliano Milanese. Il premio verrà consegnato a ragazzi di età inferiore a quattordici anni che si sono distinti per un gesto o un comportamento di generosità, di altruismo. Un gesto umano di valore sociale, che induca alla pace ed alla fratellanza, al rispetto delle condizioni di vita di chi è in difficoltà. "Valori che meritano una considerazione maggiore oggi soprattutto tra i giovani" aggiunge Pierino Esposti, "quindi è giusto premiare un esempio che provenga da loro coetanei. Non occorre un gesto eroico, è indispensabile coerenza e generosità nell'azione quotidiana".
Le segnalazioni di ragazzi da tenere in considerazione per assegnare il premio debbono arrivare al Comune, negli uffici dell'assessorato alla cultura entro la fine del prossimo luglio anche attraverso fax. Nello stesso tempo l'infaticabile promotore della storica sfilata commemorativa della battaglia continua la ricerca dei gemellaggi con due altre città che hanno tracce comuni attraverso lo storico evento con San Giuliano Milanese. Una scelta dettata proprio dalle direttive della comunità economica europea che suggeriscono ai comuni ed alle città di gemellarsi proprio per favorire l'integrazione fra le nazioni. E' in corso già da anni l'iter per unire San Giuliano Milanese con Sion, cittadina svizzera. Ora si prospetta anche un gemellaggio con Amboise, la città francese dove venne firmato il trattato di pace e che accoglie le spogie di Leonardo da Vinci giunto in francia per ospitalità di Francesco I, vincitore a Zivido nell'epica battaglia. Intanto nella sede dell'associazione in via Montenero sono iniziati i preparativi e le selezioni per i figuranti che parteciperanno alla sfilata in costume del prossimo settembre
(di Franco Chionna, da Il Giorno, 13 settembre 1994)

 

 

webmaster@aczivido.net