agenzia di informazione
della
Associazione Culturale Zivido

 

   

Sentieri d'arte e storia a San Giuliano Milanese

di Pierino Esposti - 04.05.2004

L'esteso territorio comunale sangiulianese presenta un ricco patrimonio storico, artistico, architettonico ed ambientale ancora poco conosciuto e valorizzato. Ognuna di queste realtà attende un progetto, in alcuni casi finalizzato al riuso, che sia consono alla specificità di ciascuna ed inserito in un quadro omogeneo la cui finalità sia certa e definita.
Togliere dall'isolamento, fisico e concettuale, i singoli aspetti del patrimonio e farli interagire, ottenendo pertanto un risultato d'insieme positivo, dovrebbe essere la prima preoccupazione. L'accresciuta sensibilità dei cittadini e delle istituzioni, riscontrata nell'ultimo decennio ed in costante crescita, sicuramente favorisce la proposizone di idee che potranno trovare una risposta concreta.
In campo, da qualche tempo e per opera dell'Istituzione Comunale, è il proposito di realizzare un grande percorso ciclopedonale che metta in comunicazione San Giuliano Milanese con i comuni confinanti. Questo è positivo, ma se anzitutto finalizzato e fortemente motivato alla valorizzazione e promozione del nostro patrimonio.
Per l'Associazione Culturale Zivido, che già in passato ha ritenuto San Giuliano Milanese una potenziale "città d'arte", il percorso ciclopedonale così concepito rappresenterebbe un ottimo inizio per promuovere il "turismo culturale" necessario ed utile al nostro territorio.
Il progetto complessivo dovrebbe prevedere quattro "sentieri" ben identificati e fra loro naturalmente raccordati: il "Sentiero dei Giganti", il "Sentiero della Memoria", il "Sentiero dell'Abbazia" ed il "Sentiero delle Cascine".
La storica dimora di Rocca Brivio, sulla quale occorre un attento approfondimento, è contemporaneamente il punto di partenza del "Sentiero dei Giganti" ed il raccordo futuro con l'eventuale percorso ciclopedonale proveniente dalla vicina Melegnano. La proposta del "Sentiero dei Giganti" viene dal locale WWF in collaborazione con altre Associazioni e prevede il riuso dell'antica strada che collega la Rocca a Zivido passando per cascina Santa Brera, ieri quartier generale di Francesco I durante la Battaglia del 1515 ed oggi apprezzato agriturismo, con il pregio di offrire un tracciato di estremo interesse ambientale fino alla cascina Carlotta, intervenendo con decisione a rimuovere lo sbarramento all'altezza del Molinetto.
"Sentiero della Memoria" così verrebbe definito il percorso che, dalla cascina Carlotta, attraversa il realizzando Parco dei Giganti, prosegue nel centro storico di Zivido, costeggia via Gorky e via Brigate Partigiane per terminare, dopo un breve tratto lungo la statale Emilia, all'incrocio con la strada di Viboldone. Questo sentiero tocca i punti salienti dove si svolse la Battaglia dei Giganti: l'area del Parco che accolse a migliaia i caduti; la quattrocentesca chiesetta Brivio oggi sacrario di quegli uomini antichi; il borgo di Zivido ed il suo castello teatro di episodi cruenti ed infine l'ormai diroccato ingresso del grandioso monastero di Francesco I, nascosto sotto il cimitero cittadino, voluto dal sovrano a ricordo della vittoria e memoria perenne dei valorosi giunti da ogni terra.
Dal 1176 l'Abbazia degli Umiliati di Viboldone è per il territorio sangiulianese una presenza di alta valenza spirituale ed artistica. Solo percorrendo il "Sentiero dell'Abbazia", che inizia all'incrocio della statale Emilia per terminare nel borgo di Viboldone, è possibile gustare appieno il complesso monastico e l'abitato rurale immersi nella ancor sgombra campagna.
Ultima tappa il "Sentiero delle Cascine" che ha come punto focale Viboldone e destinazione la grande cascina di Montone, la misteriosa cascina Castelletto e l'elegnate cascina Cantalupo. Di quest'ultima è giusto ricordare il cantiere da pochi mesi aperto per il restauro della settecentesca chiesetta dove fra altri affreschi ci piace sperare torni la grande pala dell'altare riportata all'antico splendore. Un altro tassello del patrimonio sangiulianese che non smette di meravigliarci.
Quattro "Sentieri" di un unico, omogeneo, qualificato e mirato progetto. Quattro percorsi in buona parte già esistenti che abbisognano però di essere voluti con intelligenza e gusto, dove i cittadini possano trascorrere momenti di serena socializzazione, aquistare i prodotti della terra e dell'ingegno artigianale. Insomma produrre un "turismo culturale" di cui San Giuliano Milanese, città ingiustamente additata a dormitorio, possa insieme ai suoi cittadini andare orgogliosa.

 

 

webmaster@aczivido.net