historia.jpg (19680 byte)

Alto Adige
Sud Tirol

 

Glorenza (Glurns) la più piccola città dell'Alto Adige: storia e storie
di Sebastian Marseiler

home page


Glorenza, perchè prorpio qui?
A dire il vero non vi erano motivi validi per fondare proprio qui una città, che si sarebbe trovata minacciata dall'Adige, dal rio Ramm e dal rio Puni: corsi d'acqua la cui portata oscilla paurosamente e che costituiscono un vero pericolo soprattutto all'epoca dello scioglimento delle nevi ed in caso di piogge persistenti. Inoltre d'inverno il monte Glurnser Köpfl nasconde il sole già nel primo pomeriggio ed il famigerato "Oberwind" venostano (il vento di tramontana) è spesso molto forte e spazza tutta la conca scendendo dal conoide della Malser Haide. A ciò bisogna aggiungere che l'importante via di comunicazione interregionale passava a nord-ovest per Schuderns/Sluderno, Tartsch/Tarces e Mals/Malles, non toccando Glorenza. Da ultimo non dimentichiamo che i più grandi centri commerciali medioevali erano alquanto distanti e l'hinterland era piuttosto povero.
E allora perché proprio qui?
Questa zona è ricca di gioghi e valichi alpini, non particolarmente comodi da superare ma agevolmente praticabili dal traffico commerciale medioevale. A nord si trova il passo di Resia e più avanti il Fernpaß che conduce ad Augsburg; la posizione è anche ideale per raggiungere il passo del Forno e il (leggendario) sentiero per Bormio che poi attraverso la Valtellina conduceva a Como e Milano. Può darsi che il primo insediamento sia sorto lungo un guado o nei pressi di un ponte che ancor oggi separa la chiesa dalla città. Successivamente qui i principi temporali e spirituali si fronteggiarono aspramente per affermare le loro mire di potere politico ed economico. E a questo punto si rende necessario un breve excursus storico per abbozzare sommariamente gli eventi ed i nessi storici.
Durante e dopo i disordini dell'epoca delle invasioni barbariche, le antiche marche confinarie romane vennero spesso assunte dalle diocesi, nel nostro caso si trattava della Rezia prima il cui centro amministrativo era Coira, l'attuale Chur in Svizzera. la val Venosta e Merano si trovavano quindi a far parte della diocesi di Chur fino al 1818. In qualità di signori territoriali i vescovi erano naturalmente interessati al mantenimento e alla riaffermazione del loro potere politico ed economico. ma non avevano le carte migliori e di ciò parleremo più avanti.
Vi erano poi i conti di Venosta, che più tardi sarebbero divenuti conti di Tirolo, i quali pur essendo vassalli dei vescovi furono in grado di accaparrarsi una fetta di potere sempre maggiore agendo senza scrupoli. Si trattava di politici abilissimi che riuscirono a contenere efficacemente l'influenza dei vescovi di Chur: Glorenza deve la sua fondazione proprio alle loro mosse strategiche. Ma vi è un'altra famiglia comitale il cui nome è inseparabile dalla storia di questa zona e i cui fatti e misfatti sono presenti ancor oggi, dopo secoli, nella coscienza collettiva della popolazione: i conti di Matsch. L'origine di questa stirpe, citata per la prima volta agli inizi del XII secolo, è ancora avvolta nel mistero; si trattava probabilmente di nobili reti che controllavano questa importante regione alpina di transito. Inizialmente li troviamo ancora al fianco dei vescovi di Chur, come scrupolosi balivi dell'abbazia di Montemaria, ma in seguito se la prendono con Dio e il mondo, fanno decapitare un abate saccheggiandone l'abbazia. Un conte di Matsch viene strangolato da un cugino per averne molestato la moglie. la stirpe dei Matsch si lascia travolgere da una faida familiare che si conclude solamente con l'estinzione di un ramo della famiglia stessa.
I loro possedimenti comprendenti uomini, beni e privilegi si estendevano dal lago di Como a quello di Costanza. Se per esempio soggiornavano a Poschiavo, il comune doveva mettere a loro disposizione un pescatore o in caso di bisogno un cacciatore che li aiutasse durante le loro battute. In questa vasta regione possedevano anche alcune miniere. I loro manieri, oggi ormai ridotti a rovine suggestive, si ergevano su morene e speroni rocciosi quasi impraticabili in val di Mazia. Per tenere sotto controllo questi signorotti spavaldi e per assicurare il transito attraverso la val Venosta verso Merano, nel 1257 il vescovo Heinrich von Chur aveva fatto erigere proprio all'imbocco della valle di Mazia il Castel Coira. Inutilmente! Dopo solo 50 anni i signori di matsch, grazie ai loro intrighi e alla loro brutalità, riuscirono ad insediarsi nel castello.
naturalmente i signori di Matsch erano presenti anche in Glorenza, di cui furono i signori per un certo periodo - la torre Flurin era di loro proprietà -, e frequentavano regolarmente anche le osterie. I loro avversari erano sicuramente a conoscenza di questa loro abitudine: nel 1274 decisero di eliminare Egno von Matsch, detto "l'attaccabrighe". Un certo Friedrich von Ramüs si era nascosto nelle cantine dell'osteria insieme a sei altri complici; ma il piano era giunto alle orecchie di Egno che irruppe in cantina sorprendendo quegli sventurati che ci lasciarono la pelle - misfatto che tre anni più tardi però gli costò la vita. Ogni anno nell'abbazia di Montemaria si dovevano dedicare due giornate a Egno e suo fratello, detto "il ghiotto", in occasione delle quali tutti i secolari della zona avevano l'obbligo di leggere una messa e sicuramente avranno dovuto pregare molto per quei due fratelli!
Comunque ogni partecipante riceveva in cambio tre Groschen (denari) ed il pranzo. Ancor oggi, una volta all'anno, l'abate del convento legge una messa per la famiglia dei Matsch alla presenza dei conti Trapp, i loro eredi. Quando il conte Gaudenz, l'ultimo dei Matsch, morì nel 1504, lasciò un gran numero di figli illegittimi ma nessun erede legittimi. E un notevole cumulo di debiti, tanto che i suoi eredi dovettero addossarsi le spese del suo funerale.
Le origini di Glorenza sono legate proprio al contrasto di interessi di potere dei vescovi di Chur, dei conti di Tirolo e dei signori di Matsch, fatto che non le assicurava certo prospettive rosee.


indice


Glorenza, perchè proprio qui?


Le origini e la prima fioritura

Catastrofe e ricostruzione

La decadenza

Un giro per la città

Tappeiner Casa Editrice, Lana (BZ) 1998



sito di propriet� dell'Associazione Culturale Zivido
webmaster@aczivido.net