martedì, 1 novembre 2005

 

Viboldone

Quando si rende necessario un significativo intervento di modifica del territorio, o parte di esso, non si può prescindere da alcuni basilari elementi: la conoscenza, la storia, l'ambiente, il ruolo ed infine il risultato che si vuole ottenere.
Dal duro confronto in atto sul futuro assetto di Viboldone, frazione di San Giuliano Milanese, è difficile capire se gli aspetti sopra detti siano stati attentamente valutati.
Intanto pare manchi una certa chiarezza sul termine usato di "Viboldone, borgo storico", comprendendo in tal modo la sua antichità d'origine e l'importanza nei secoli con il suo aspetto attuale. Due realtà diverse. Infatti di antico e storico a Viboldone rimangono oggi solo la chiesa abbaziale e l'annesso palazzo del Priore, tutto il restante nucleo urbano è il risultato di un radicale intervento edilizio operato tra la fine dell'800 e l'inizio del '900.
Quest'ultimo intervento, che ha cancellato diverse vestigia storiche, ha prodotto comunque un risultato compatibile con l'ambiente circostante, ha dato un carattere particolare al borgo abbinando, per certi aspetti, una ricerca di eleganza.
La violenta diatriba in atto chiarisce poco e porta ad intendere molto. Tanti attori, tanti interessi, una scena occupata dagli addetti ai lavori nella diffusa e colpevole indifferenza dei cittadini.
Per fortuna c'è la foglia di fico della Corte Grande che li accomuna tutti.

 

 commenti

scrivi

webmaster@aczivido.net