martedì, 02 dicembre 2008

 

La polvere sotto il tappeto

Con orgoglio il Palazzo ha dichiarato che Genia è la seconda realtà industriale di San Giuliano Milanese dopo la Bindi Spa.
Infatti la Società multiservizi, di cui il Comune è l’unico azionista, negli ultimi anni ha visto crescere costantemente gli ambiti di intervento in funzione dei compiti che l’Amministrazione le ha sempre più trasferito.
Genia è stata costretta a sobbarcarsi impegni gravosi ed onerosi propri dei singoli assessorati. In questo modo gli assessori, che nei dieci anni di questa amministrazione hanno promesso di tutto e di più, si sono liberati delle responsabilità trasferendole ad altri.
Così è stato fatto per il centro sportivo di via Risorgimento con le sue fantomatiche nove piscine e mai realizzato. La viabilità, la manutenzione stradale, l’illuminazione pubblica, la gestione del verde, il megaprogetto culturale del nuovo cinema Ariston.
Fino a che punto Genia è in grado di assorbire tutti gli impegni? Possiede una struttura sufficiente? E’ in grado di coprire finanziariamente le opere?
L’Amministrazione comunale ha così ripulito il bilancio da alcune pesanti voci di spesa e può dedicarsi con tranquillità a finanziare la campagna elettorale a spese di tutti i cittadini.
Il sindaco definitivamente uscente, Marco Toni, ha fatto come la cattiva massaia che nasconde la polvere sotto il tappeto.
Guarda il video

 

 

  commento

scrivi

webmaster@aczivido.net