venerdì, 05 dicembre 2008

 

La cena

Una sera, presso un rinomato ristorante sangiulianese, mi è capitato di incontrare il sindaco seduto al tavolo in compagnia di un ristretto gruppo di dipendenti comunali.
Non ho alcun dubbio che il conto l’abbia pagato di persona il sindaco.
Rimane, però, emblematico il fatto.
La macchina amministrativa del Comune dipende dal grado di efficienza organizzativa, ma anche dalle capacità professionali dei singoli dipendenti e dal loro impegno.
So per certo che un gran numero di lavoratori comunali possiedono queste caratteristiche e svolgono il proprio compito con diligenza, sebbene lontani dai riflettori della stampa e dalle cene.
Occorre perciò meglio valorizzarli, metterli nelle condizioni di lavorare con profitto, affidare carichi di lavoro sensati, premiare i meritevoli.
Soprattutto liberarli da certe consorterie, ancora presenti e radicate.

 

 

  commento

scrivi

webmaster@aczivido.net