La percezione visiva dei luoghi

L’area del parco è racchiusa da margini non continui e diversamente caratterizzati. E’ divisa in due ambiti visivi chiusi separati dalla strada campestre che attraversa l’area. L’area nord-est in leggero declivio è completamente racchiusa dal limite visivo delle nuove urbanizzazioni e al suo interno articolata in sotto-ambiti per la presenza di terrapieni e fasce alberate. Quella Sud Ovest ha un margine più articolato costituito dalla chiesa, dalla via Gorky con la sua fascia alberata e dal fronte dei nuovi blocchi residenziali ancora in costruzione.
Gli elementi di attrazione visiva, cioè le emergenze architettoniche costituite dalla chiesa di Santa Maria e dalla Cascina Carlotta, si qualificano come punti di riferimento nello spazio scandendo le profondità prospettiche. Si deve tenere in considerazione la futura realizzazione della nuova chiesa che risulterà senza dubbio essere importante elemento di riconoscibilità e riferimento.
La strada campestre è l’asse di fruizione visiva principale individuato dalla focalizzazione delle emergenze architettoniche e sottolineato dalle fasce alberate d’impostazione del canale ottico.
Alcuni elementi si connotano nel paesaggio come negativi, come fattori di detrazione visiva: sono elementi lineari (cavi e grandi piloni degli elettrodotti) e puntuali (scheletro del grande albergo non terminato e l’edificio di deposito con la sua recinzione in cemento) che risultano degradanti o dissonanti e che negano con la loro collocazione i segni sul paesaggio delle precedenti matrici antropiche instaurando un rapporto di contrasto con l’intorno.

 
 

il Parco dei Giganti

In Zivido -San Giuliano Milanese
Paesaggio in memoria della
Battaglia di Marignano (1515)

Università degli Studi di Firenze
Master in Paesaggistica
a.a.2003-2004
Tesi di Specializzazione
dell’Arch. Daniela Borroni
Relatori:
Prof. Architetto Biagio Guccione
Prof. Dott. Forestale Fabio Salbitano
Tutor: Arch. Tessa Matteini

Indice

Territorio, Ambiente, Paesaggio
Il contesto territoriale>
Il Parco Agricolo Sud Milano
La ricomposizione dell’ecomosaico
Valorizzazione della fruizione e del turismo
Struttura urbana e sistema delle aree verdi
Assetto geomorfologico e idrografia
Paesaggio agrario e vegetazione della bassa pianura lombarda.

Rilievo e analisi paesistica
Destinazione d’uso e regime delle proprietà
La percezione visiva dei luoghi
La percezione acustica
I segni della storia
La Battaglia dei Giganti.

Il progetto del Parco dei Giganti
Ruolo ecologico
Reinterpretazione del paesaggio agricolo
Il disegno e le parti:
- Il prato della battaglia
- Il bosco

- Le “stanze verdi”
- Le terrazze e le piantate
- L’arena

- L’asse
L’acqua
La distribuzione delle funzioni
Gli accessi, i parcheggi, i percorsi
L’intervento di forestazione
- Le funzioni del bosco
- Caratteristiche
- Modalità realizzative
- La gestione

Bibliografia (vedi)

 
 
home


sito di proprietà della Associazione Culturale Zivido
webmaster@aczivido.net