la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


14.01.2006 - di Giulia Cerboni

L’amministrazione inserirà in bilancio i soldi per fare decollare il progetto
Spiragli per il parco dei Giganti, il comune punta tutto sull'arena

Si aprono spiragli per il parco dei Giganti. E i lavori ripartiranno dall'arena. «Il comune quest'anno sembra che apposterà in bilancio una cifra per riuscire finalmente a far decollare il progetto - spiega il presidente dell'associazione Zivido Pierino Esposti, da anni impegnato su questo fronte -. Dovrebbe quindi scattare un iter che assorbirà tempo. Certo è che le prime opere dovranno essere incentrate sull'arena, visto che così com'è ritengo non possa assolutamente svolgere quella funzione di punto di riferimento per gli eventi a cui avevamo pensato. Dal momento che si procederà per lotti, ritengo quindi che il primo passo debba necessariamente essere puntato su quello che dovrebbe diventare un luogo di intrattenimento». Del resto l'opera inaugurata nel settembre scorso con la rievocazione storica della battaglia dei Giganti si era da subito attirata critiche. Sia per il fatto che il terreno non era stato consolidato, sia per la mancanza di verde, che per l’assenza dei due anelli di sedute dedicati al pubblico. «Ritengo debba essere innanzitutto modificato l'orientamento - specifica Esposti -, poi è indispensabile il verde. In ogni caso sono tutte modifiche facili da apportare, che dovrebbero dare il via al progetto suddiviso per lotti che rappresenterebbe un prezioso rilancio sia per la frazione di Zivido, che tutto il territorio di San Giuliano». L'intero piano, che prevede un'ampia area attrezzata a verde, con un tratto boscoso, spazi fruibili e addirittura un corso d’acqua, si attesta sui 4 milioni di euro. Il filo conduttore dovrebbe essere la storia, ed in particolare l'evento della battaglia di Marignano che vide come scenario proprio la piana di Zivido. Punti di ristoro e una struttura aperta al turismo culturale dovrebbero completare l'articolato disegno su cui sembra, dopo una lunga pausa, inizi a muoversi qualcosa. C'è attesa quindi per i passi che dovrebbero dare ufficialità alla proposta già definita anche nei dettagli.

o

webmaster@aczivido.net