la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


15.02.2006 - di Giulia Cerboni

In 500 passeranno per la piana dei Giganti a 5 secoli dalla battaglia
Guardie svizzere in Rocca
A ricordo del sacrificio delle truppe papali

Faranno tappa a San Giuliano per commemorare davanti al monumento dello scultore elvetico Josef Bisa, i propri connazionali caduti quasi cinquecento anni fa nella battaglia dei Giganti. È prevista infatti anche una sosta a San Giuliano per il gruppo di circa 500 svizzeri che, in occasione del mezzo millennio dalla nascita dell’esercito pontificio, fondato nel 1506 da Papa Giulio II, copriranno a piedi il lungo tragitto che divide Bellinzona da Roma. In occasione della festa del Perdono pure il comune Melegnano, è inserito nella staffetta storica d';eccezione. E la via Emilia tornerà a essere un percorso di collegamento privilegiato.Sono quindi già scattati i preparativi per la data del 10 aprile, in cui è prevista la manifestazione che ancora una volta ha visto scendere in campo l'Associazione Culturale Zivido capitanata dal presidente Pierino Esposti. Come avviene da anni per la rievocazione della Battaglia dei Giganti, amministrazione comunale e sodalizio collaboreranno al fine di promuovere un evento d'eccezione aperto a tutta la città. Proprio in questi giorni è infatti previsto un confronto per definire i binari del programma, sulla base anche dei contatti con il console elvetico. «La mia proposta - spiega Esposti -, è di suddividere la giornata in un momento istituzionale per l'accoglienza agli ospiti, seguito da una preghiera nella chiesetta di Zivido, quindi da un finale immerso nella storia, per cui avrei pensato a Rocca Brivio. Nella suggestiva cornice infatti, il duca di Milano in costume, potrebbe accogliere le guardie pontificie. Visto che pochi anni dopo il duca di Milano, chiese l'aiuto degli Svizzeri». Insomma sul filo degli eventi del passato verrà pianificata una scaletta che terrà conto del significato che assume per San Giuliano il ritorno delle Guardie svizzere, che qualche anno dopo si sacrificarono per la vita del Papa.«Per noi è un momento particolarmente importante - ricorda Esposti -, da anni teniamo viva la tradizione, e questa credo sia una grande occasione per il territorio di San Giuliano dove fu combattuta la battaglia dei Giganti. Proprio per questo credo sia il caso di coinvolgere nel tragitto sia il palazzo comunale sia la frazione storica e la Rocca». I luoghi del cruento scontro torneranno così a essere protagonisti di una giornata dedicata alla sanguinosa pagina di storia che si è consumata nella San Giuliano del Cinquecento, e per la quale ancora oggi è doveroso anche un momento di preghiera.

o

webmaster@aczivido.net