la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


15.07.2003 - di Giulia Cerboni

«Un ente per valorizzare storia e ambiente» L'ultima speranza per la chiesetta di Occhiò

L'Ente Parco potrebbe anche dare un aiuto all'ormai fatiscente chiesetta di Occhiò. Almeno per salvare i suoi affreschi, dal momento che con il crollo del tetto, avvenuto da oltre un anno, per la sistemazione dell'edificio occorrerebbero ingenti investimenti. Sembra che il nuovo Parco dei Giganti possa fornire nuovo impulso per tutti i reperti storici nascosti in aree poco in vista di questa fetta di Sudmilano. Come la località agricola di Mezzano, dove pare che il tempo abbia risparmiato alcuni antichissime semplici strutture. «C'è una colonna che sorregge un tetto - racconta il presidente dell'associazione Zivido, Pierino Esposti -, risalente all'epoca romana, così come gli antichi sarcofaghi, utilizzati come abbeveratoi. Un patrimonio molto importante che con la collaborazione della cittadinanza e dell'Unione europea potrebbe essere inserito in un itinerario di grande interesse per gli appassionati». Nuovi progetti per rilanciare i gioielli del territorio, già descritti sul sito dell'associazione (www.aczivido.net). Anche se l'obiettivo è di fare uscire gli elementi di maggior interesse dal mondo virtuale, e renderli accessibili ai visitatori in un circuito che si finanzierebbe da sé. Sono stati pensati anche i veicoli per farlo conoscere ai turisti, attraverso pieghevoli e altre vie d'informazione. «La nostra è una città piena di arte da rivalutare - conclude Esposti -. Si potrebbe ad esempio formare un comitato d'onore, con la partecipazione di una delegazione svizzera». A partire dai Giganti, insomma, si snoderebbe un sentiero lungo il passato di San Giuliano.

o

webmaster@aczivido.net