la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


16 marzo 2002 - di Giulia Cerboni

La Battaglia dei Giganti richiama a Zivido nuove iniziative e l'attenzione degli studiosi

Sarà il castello di Zivido la prossima tappa dell'itinerario culturale sangiulianese. Un percorso avviato nel settembre scorso con una targa apposta nel cimitero principale della città, dove nel 1500 Francesco I fece erigere un tempio. E c'è già fermento per la prossima edizione della Battaglia dei Giganti, organizzata in collaborazione tra l'Associazione culturale Zivido e l'amministrazione comunale. Un girone di iniziative a cui stanno lavorando anche altri sodalizi del territorio. Tra questi l'Aioss (Associazione per l'inserimento e l'orientamento dei soggetti svantaggiati), che dopo la ricerca sulla lavorazione della lana, questa volta è impegnata nella raccolta di materiale sull'istruzione del ‘500, sempre riferita a quest'area dell'hinterland, che all'epoca ha visto il passaggio dei francesi. Ad attivarsi in questo settore è quindi il sodalizio promosso da un gruppo di ex insegnanti, che organizzano corsi di informatica per disabili, inserendoli in un ventaglio di progetti, spesso presentati nell'ambito di feste e ricorrenze.
Ma anche le scuole del territorio quest'anno troveranno spazio: alcuni gruppi di alunni si stanno preparando ad esempio per uno spettacolo di danze medievali e rinascimentali. Prima delle vacanze estive dovrà essere infatti tutto pronto per l'appuntamento di settembre. Una serie di novità che vengono man mano inserite anche nel sito Internet dell'associazione impegnata nella rivalutazione e nel recupero della storia locale. Un “contenitore telematico”, che dopo aver registrato 49.400 accessi a partire dal novembre '98 sta continuando a crescere. Ne parla il presidente Pierino Esposti, il quale sottolinea: «È da circa 10 giorni che abbiamo messo in linea un forum suddiviso per settori, ma ho notato che ci sono già stati accessi: spero che diventi uno strumento di scambio e dibattito». Coloro che fossero interessati potranno accedervi direttamente dal portale, cliccando sulla scritta luminosa destinata alle discussioni telematiche (l'indirizzo è www.aczivido.net). E grazie ad Internet, uno storico milanese ha chiesto di poter prendere parte all'attività dell'associazione. «Ci ha contattati il dottore De Rosa, il quale ha offerto la propria collaborazione per decifrare le misteriose scritte che potranno dare una datazione alla chiesetta di Occhiò - spiega Esposti -. E poi sarà questo esperto a tenere una conferenza durante la prossima Battaglia dei Giganti».

o

webmaster@aczivido.net