la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


20.04.2004 - di Giulia Cerboni

San Giuliano, una società pubblica per fare rivivere i fasti dei Giganti

Il Parco dei Giganti sarà gestito da una persona giuridica, società o altra formula, a maggioranza pubblica, con quote di partecipazione destinate ai sangiulianesi. La giunta di Marco Toni ha infatti accolto la proposta presentata dall'Associazione Culturale Zivido guidata da Pierino Esposti che ha concentrato l'attenzione sull'esigenza di costituire un ente parco in tempi stretti. In modo tale che ancor prima che il polmone verde da 170 mila metri quadrati prenda forma, ci sia chi segue passo a passo il progetto, che nel tempo dovrebbe riempirsi di rappresentativi contenuti storici e culturali. Inoltre il comune ha recentemente formalizzato l'incarico alla stagista della facoltà di architettura di Firenze Daniela Borroni di predisporre un progetto di fattibilità. «È molto importante far partire quanto prima l'attività dell'ente parco, che consentirà alla gente di investire su qualcosa di concreto - commenta Esposti -. Ora col via libera dell'amministrazione comunale dobbiamo individuare la formula giuridica che ci consentirà di mettere a punto l'iniziativa che dovrebbe rappresentare una soluzione non solo per il parco di Zivido, ma anche per i beni culturali della zona, a cui potranno essere dedicate risorse provenenti da turismo culturale e altri progetti”. Il sodalizio locale insomma, una volta ricevuto il benestare dai vertici dell'ente locale, inizierà a muoversi per mettere in piedi strategie a tutela dell'area naturale che in base a calcoli di massima richiederà circa 5 anni di interventi per essere ultimata. Sebbene nel contempo diventeranno man mano fruibili alcuni tratti del vasto appezzamento, a partire dall'arena, che in ogni caso probabilmente anche quest'anno non sarà pronta per il programma della Battaglia dei Giganti. Chiunque in ogni caso volesse iniziare a dare un'occhiata al disegno proposto dall'associazione, potrà trovarlo all'indirizzo Internet: www.aczivido.net. In base alle prime anticipazioni, gli ingredienti principali saranno dati da elementi legati alla rievocazione della battaglia di Marignano, inseriti in un contesto naturale di piantumazioni autoctone, con un'area dedicata ad attività commerciali di nicchia e ad un museo. Tutte idee che dovranno essere messe a punto e inserite in un contesto armonico che la cittadinanza dovrebbe veder crescere, con un investimento in tasca, in attesa che dia i suoi frutti.

o

webmaster@aczivido.net