la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


20.05.2004 - di Giulia Cerboni

Quattro itinerari uniranno i luoghi della battaglia dei Giganti alle ultime cascine
In bici sui sentieri della memoria
Proposta dell'Associazione Culturale Zivido per riscoprire la storia

Più che una pista ciclabile, un itinerario da percorrere a piedi o pedalando lungo i tratti più suggestivi di San Giuliano. È la proposta lanciata dall'associazione culturale Zivido, in un momento cruciale in cui tra gli aspetti protagonisti di alcuni programmi elettorali sono stati posti proprio gli interventi per rendere la città percorribile sul mezzo ecologico. «Il progetto complessivo - spiega Esposti - dovrebbe prevedere quattro sentieri ben identificati e naturalmente raccordati fra loro. Perché non avrebbe senso creare delle piste ciclabili senza dare la possibilità ai cittadini e ai visitatori del territorio di attraversare i luoghi più caratteristici della nostra tradizione e della nostra storia. L'iniziativa non deve infatti tradursi in pezzi d'asfalto al lato della carreggiata, bensì è necessario pensare a zone alberate, protette dal traffico con punti di sosta».In base a questa allettante ipotesi, il tempo libero e il progetto di turismo culturale a cui il sodalizio sta puntando da tempo correrebbero quindi in 4 nastri denominati "sentiero dei Giganti", "sentiero della memoria", "sentiero dell'abbazia" e "sentiero delle cascine". La passeggiata partirebbe dai luoghi dei Giganti, con uno start previsto in prossimità dell'antico maniero dei Brivio che si snoderebbe in un percorso naturale già messo a punto sulla carta alcuni anni fa dal Wwf, lungo un tragitto con tappe a cascina Santa Brera e poi, costeggiando il Lambro, fino a cascina Carlotta, da cui partirebbe il "sentiero della memoria". Un altro corridoio sicuro che dovrebbe attraversare il futuro parco dei Giganti (per cui il sodalizio ha stilato un progetto proposto all'amministrazione comunale), per raggiungere il centro storico di Zivido, e procedere in via Gorky e via Brigate Partigiane, con un breve tratto sulla via Emilia, fino all'incrocio per Viboldone. In quel punto prenderebbe il via il sentiero dell'abbazia: un ponte privilegiato per raggiungere l'antica chiesa degli Umiliati. Il viaggio tra storia, arte e natura, in base all'idea messa a punto da Esposti, si concluderebbe con una passeggiata verso le cascine, vecchi feudi del passato agricolo, in parte completamente dimenticati. Cascina Montone, Cascina Castelletto e Cascina Cantalupo grazie al nuovo tragitto nel verde entrerebbero infatti a far parte di un patrimonio facilmente raggiungibile anche in bici. «Si tratta - conclude Esposti -, di percorsi in buona parte già esistenti che necessitano però di essere recuperati con intelligenza e gusto. Ho pensato infatti a questa iniziativa puntando ad un turismo culturale di cui San Giuliano possa insieme ai suoi cittadini andarne orgogliosa». Chiunque fosse interessato ad addentrarsi in informazioni storiche in merito agli emblematici punti di riferimento attraversati dai sentieri previsti sulla carta, potrà trovare dettagliate descrizioni sul sito Internet dell'associazione all'indirizzo www.aczivido.net.

o

webmaster@aczivido.net