la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


26 febbraio 2002 - di Giulia Cerboni

San Giuliano, la frazione Zivido vuole più attenzioni

Il futuro di Zivido nuovamente in primo piano. Dopo i segnali di fumo lanciati dal presidente dell'associazione Zivido, Pierino Esposti, il quale ha più volte sottolineato la carenza di iniziative per la zona storica di San Giuliano, la vicenda legata allo sviluppo della frazione è stata recentemente vagliata in commissione urbanistica, durante una convocazione a cui ha preso parte anche Esposti. Se infatti le scelte principali relative al progetto di recupero della Corte Invernizzi sono state assunte nel luglio scorso in consiglio comunale, ora rimangono alcune questioni aperte riguardanti in particolare quei 170 mila metri quadrati di parco, in cui dovrebbe essere realizzata anche un'arena naturale per ospitare iniziative e spettacoli. Il problema resta la tempistica su cui al momento parrebbe difficile avanzare previsioni. La realizzazione del parco infatti non sarà unitaria. L'assessore all'urbanistica Cristian Stefanoni ha ribadito che non è possibile realizzare un progetto globale per tutto il parco che impegni i lottizzanti in parte a sostenere le spese. Ci sono infatti aree, come quella della futura chiesa, che non verranno cedute, ma saranno parte integrante del parco, mentre altre dovranno essere acquisite dall'amministrazione con fondi di bilancio. Si tratta quindi di un progetto unitario formato da tanti tasselli che dovrebbero man mano incastrarsi tra loro. Senza contare che ci sono ancora alcuni problemi da risolvere, come la discussione di una variante. Per ora il comune sta acquisendo 40 mila metri quadri, mentre gli altri incastri verranno in essere col tempo. La diessina Lucia Salvato ha sottolineato la necessità che l'amministrazione si impegni ad accelerare i tempi con i privati, che hanno in atto una convenzione col comune, in modo tale da procedere col primo lotto di opere. Tutti concordi poi sull'opportunità di illustrare alla cittadinanza un progetto di massima al fine di sondare le opinioni dei residenti. Un'iniziativa che prenderà comunque forma man mano che l'area interessata passerà in mano al comune. Ed in ogni caso le opere necessarie, in base a quanto spiegato dall'assessore, verranno diluite nel tempo in quanto comportano un esborso economico che deve essere previsto nel bilancio comunale. Il presidente del sodalizio ha colto anche l'occasione per esprimere alcune idee relative allo sviluppo di quell'area, che in base alla propria opinione dovrebbe diventare un parco tematico, con richiami storici ed artistici alla Battaglia dei Giganti

o

webmaster@aczivido.net