la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
forum
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


06.07.2005 - di Domenico Palumbo

Prima tappa della Battaglia dei Giganti

Festa patronale SS. Pietro e Paolo ricca di musica e di spettacolo a Borgolombardo con intermezzo di un pezzo teatrale con costumi rinascimentali in ricordo della famosa Battaglia dei Giganti combattuta fra francesi e svizzeri nel 1515 nelle campagne di Zivido. Il rito religioso dei due Patroni viene celebrato, come di consueto, il 29 giugno ma il programma delle manifestazioni civili inizia già sabato 25. dopo la messa domenicale celebrata in chiesa da don Renato mariani, prevosto della parrocchia San Giovanni Battista di Melegnano, e l'assaggio a mezzogiorno dei gustosi cocktail preparati con spirito allegro dai barman dell'Associazione La Lanterna nell'oratorio, Borgolombardo ha vissuto un pomeriggio d'epoca con la sfilata del corteo storico per le vie del paese alla presenza di Massimiliano Sforza, Duca di Milano, interpretato da Simone Rossin, e della cugina Isabella d'Aragona, personificata con maestria da Silvia Lodigiani, due giovani della frazione, e dei membri della corte ducale. Dopo la sfilata i due principi si sono ritrovati seduti sul loro trono davanti al portone d'ingresso della chiesa. Iniziava qui, sul sacrato e sotto un sole cocente, la lunga commedia in una lingua italiana cinquecentesca comprensibilissima nella rappresentazione di un matrimonio di due cortigiani che hanno divertito parecchio il folto pubblico presente. "Sponsalia" era il titolo della gustosa commedia in cui teatro e musica si fondevano insieme a danze dell'epoca con guardie armate, musici, servi e valletti. uno spettacolo reparato con grazia da attori di una compagnia milanese in cui ben figuravano anche giovani di Borgolombardo e di San Giuliano Milanese. I costumi nei colori ducali, molto graziosi, erano opera delle sarte Anna e Maria Baldon. Si vedeva in questi frangenti l'attenta regia di Pierino Esposti, presidente dell'Associazione Culturale Zivido, travestito da ciambellano, muoversi in ogni angolo della manifestazione. Dopo lo spettacolo teatrale è andata in scena la Dama Vivente animata da una ventina di bambini vestiti con costumi di circostanza nella parte delle "pedine" collocati su una grande scacchiera di legno. A guidare il gioco era un giudice dell'Associazione nazionale dama e scacchi appostato, microfono alla mano, nei pressi dei due sfidanti, il dottor Lino Viviani, farmacista del paese, e don Fidelmo Xodo, parroco di Borgolombardo. Una partita combattutissima e incerta. Ha vinto il prete, come già l'anno scorso contro il sindaco Marco Toni, grazie ad una mossa astuta e imprevedibile che nel finale "mangiava" con un colpo solo ben cinque pedine, lasciando a secco l'avversario-farmacista. Gli applausi del pubblico per i due contendenti erano scroscianti e meritati.
La manifestazione di Borgolombardo era la prima delle tre previste dal programma complessivo preparato dall'Associazione Culturale Zivido. Nei primi di settembre a Sesto Ulteriano ci sarà la Fiera, sempre con costumi e attrezzi dell'epoca, prima della più famosa Battaglia dei Giganti prevista a metà mese nella Piana di Zivido.

o

webmaster@aczivido.net