la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
forum
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


07.12.2005 - di Domenico Palumbo

Dopo la "Battaglia" di setembre l'arena di Zivido delude le aspettative
I Giganti finiscono nella pozzanghera

Un progetto da quattro milioni di euro rischia di naufragare a causa dell'indolenza dell'Amministrazione comunale di San Giuliano Milanese. Il Parco dei Giganti comporta una spesa notevole ma i vantaggi sono nettamente superiori sul piano dell'immagine e del turismo. Pierino Esposti, presidente dell'Associazione Culturale Zivido e "padre" della celebre Battaglia dei Giganti che ogni anno a settembre attira numerosi spettatori attratti dal fascino della rappresentazione in costume della storica contesa del '500 fra svizzeri e francesi, da anni si batte per la costruzione di una grande arena utile anche per le manifestazioni all'aperto organizzate nel corso dell'anno, oltre che per la "Battaglia". L'arena di Zivido delude le aspettative. Una giovane architetto, Daniela Borroni, aveva predisposto un progetto premiato da giurie esperte e molto rinomate in campo universitario, ricevendo pure il consenso del Comune di San Giuliano. La sua realizzazione comporta una spesa di quattro milioni di euro. "Un'opera costosa, certo", sostiene Esposti, "che però ha grandissimi ritorni economici". I primi lavori a Zivido erano iniziati all'inizio dell'anno e tutto sembrava procedere al meglio tanto che lo scorso settembre la Battaglia dei Giganti si è potuta svolgere nella sua area naturale. Invece, dopo la manifestazione, i lavori non sono ripresi e adesso si vede solo un campo abbandonato a sè stesso pieno di erbacce e oggetti vari. Quando piove il terreno diventa paludoso per cui se la rievocazione della Battaglia dovesse svolgersi adesso, i famosi Giganti finirebbero nelle pozzanghere. Dell'arena neppure l'ombra. Colpevole l'Amministrazione comunale per i ritardi, ma Pierino Esposti se la prende anche con le forze politiche dell'opposizione incapaci di fare sentire la loro voce. "Il fatto è", si sfoga Esposti, "che si parte dall'errata convinzione che la realizzazione del Parco storico-ambientale sia un costo e non invece un investimento per la città e i suoi cittadini. Da tempo, prosegue il presidente, mi sgolo per far capire quale percorso si possa intraprendere per attuare il progetto senza indebitarsi. Dagli oneri di urbanizzazione per i programmi integrati d'intervento si possono trarre delle risorse da destinareal Parco dei Giganti...". Il sito dell'Associazione www.aczivido.net è aperto a tutte le opinioni. Purchè si riprenda al più presto a lavorare per costruire l'arena.

o

webmaster@aczivido.net