la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
forum
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


28.09.2005 - di Maria Elena Gala

Si è tenuta sotto la pioggia la quindicesima edizione
Tornano i Giganti ed è festa
490 anni fa, si scontrarono truppe francesi e ercenari svizzeri

"Tornano i Giganti" ma questa volta sotto una pioggerellina che non promette nulla di buono e la tradizionale rievocazione storica si è svolta in un "Parco dei Giganti" ridotto un po' a palude.
Insomma il tempo non � certo stato clemente e non ha favorito il classico appuntamento con la storia che � giunto cos� alla sua quindicesima edizione nel 490� anniversario della Battaglia dei Giganti svoltasi a Marignano nel settembre del 1515. Nonostante questo però, i personaggi in costume, la sfilata e gli sbandieratori hanno permesso un pomeriggio diverso e sono stati momenti di incontro fra i cittadini sangiulianesi e le autorità svizzere e francesi. Tutti conoscono la storia della storica battaglia: il 13 e il 14 settembre 1515, nella piana di Zivido si scontrarono le truppe francesi di Francesco I° con i mercenari svizzeri; la disfatta degli svizzeri fu grande, il numero di vittime altissimo. Fu per questo che la battaglia di Marignano venne denominata "dei Giganti", per il numero di morti che si dovette pagare alla storia.
!Per gli svizzeri - ha ricordato il console generale del Paese elvetico - quella fu l'ultima competizione, l'ultima battaglia sullo scacchiere europeo a cui parteciparono gli svizzeri. Si andava delineando allora la politica di neutralità, dalla sconfitta gli svizzeri trassero la salvezza. E' una linea che ancora oggi è un aspetto caratterizzante della politica estera del nostro Paese".
Ma come hanno ricordato sia il sindaco Marco Toni, che l'assessore alla cultura, Giovanna Bugada, "questa è un'occasione di festa non per ricordare la battaglia in sè. E' divenuta una prassi abituale per educare alla tolleranza, alla pace, al dialogo che, seppure aspro, serve a risolvere i problemi".
E infatti nel gonfalone del comune di San Giuliano Milanese si trovano due spade incrociate con le punte rivolte verso il basso, a simboleggiare che il nostro paese ha scelto la via della pace e del dialogo.
I personaggi in costume hanno comunque una forza, quasi magica, di incantare gli spettatori: infatti un gruppo di francesi giunti a San Giuliano per assistere alla rievocazione storica hanno profuso applausi a non finire quando il re e la regina di Francia, il cavaliere Bayard e molti altri hanno fatto il loro ingresso in aula consiliare per il saluto delle autorità.
Quest'anno è stato festeggiato anche il 40° anniversario dell'inaugurazione del monumento per i defunti presso la chiesa di Zivido: il 12 settembre 1965 si inaugurò infatti il monumento che rappresentava due svizzeri, l'uno morente e l'altro in atteggiamento protettivo, opera dello scultore Josef Bisa.
Una rievocazione capace sempre e comunque di attrarre grandi e piccoli per rivivere un pezzetto della nostra storia che influenzò le decisioni dei grandi.

o

webmaster@aczivido.net