la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
forum
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


20 gennaio 2002 - di Patrizia Tossi

Ex Invernizzi, una cascina dimenticata

Rischia di affondare sotto un "silenzio assordante" il progetto di tutela dell'antico Borgo di Zivido, nei giorni scorsi al centro di violentissime polemiche sul recupero residenziale dell'ex cascina Invernizzi.
Un dibattito sulla necessità di conservare un pezzo di storia locale che fece scalpore, ma che a un anno di distanza ha fatto calare sul borgo una nuova coltre di nebbia.
"E' un progetto delicato quello della riconversione ad area residenziale dell'ex cascina "Invernizzi - spiega Pierino Esposti, presidente dell'Associazione culturale Zivido - non solo per il tipo di intervento previsto e per l'impatto sull'area in questione (senza notizia però di cosa avverrà dell'ala sud del castello che presenta locali affrescati a grottesche), ma soprattutto per l'intero futuro della storica frazione. All'epoca si ebbe modo di assistere a uno scontro violento fra l'ex assessore all'urbanistica, Massimo Molteni, e l'attuale maggioranza di governo cittadino. Scontro che alla fine ci parve più incentrato sulla diatriba politica, che non la difesa passionale di due progetti organici relativi al destino di valorizzazione della frazione".
Ma è silenzio anche su una vecchia proposta dell'Associazione culturale: "un parco storico-ambientale - continua Esposti -, intendendo un'area di ben altre dimensioni e destinazione rispetto a quella prevista vicino ai nuovi insediamenti della Piana dei Giganti e del Giardino di Milano". Impegnata sul fronte della ricerca e della valorizzazione delle radici di Zivido, l'Associazione ritiene necessaria la realizzazione di "una progettualità di ampio respiro, che tenga conto del trascorso storico della bimillenaria frazione di Zivido, del suo ricco patrimonio artistico ed ambientale, della sua potenzialità turistica che favorirebbe anche un ritorno economico e di immagine non trascurabile per l'intera comunità sangiulianese.
Sparare sulle amministrazioni cittadine di volta in volta interessate - prosegue Esposti - è esercizio sterile da parte delle forze di opposizione che hanno il compito di essere vigili coscienze sull'operato della maggioranza, ma anche attivamente propositive di progetti alternativi attraverso un confronto sereno con tutte le realtà cittadine".

o

webmaster@aczivido.net