la nostra voce, quella della stampa nazionale
ed internazionale

le nostre origini
le iniziative
il Borgo dei Giganti
forum
sala stampa
scrivici

o

o

 

Rassegna Stampa Nazionale


22 settembre 1999 - di Patrizia Tossi

La pioggia non ferma lo scontro tra i Giganti, Marignano torna al '500

Aria di guerra in citt�: un incessante rullo di tamburi, frecce infuocate e colpi di spade inferti al nemico hanno riportato i sangiulianesi indietro nel tempo.
Una festa riuscita quella che domenica ha trasformato San Giuliano in un borgo rinascimenatle, per una rievocazione storica della Battaglia dei Giganti che ha colpito la fantasia e l’attenzione di molti cittadini.
La pioggia battente, infatti, non ha intimorito nessuno e il pubblico ha applaudito i figuranti sotto gli ombrelli grondanti d’acqua. Cos� il vecchio millennio si � portato via anche l’ultima edizione della guerra tra i fieri lanzichenecchi, assoldati dai signori di Milano, e le truppe francesi al seguito del re Francesco I.
Suggestioni lontane fatte da bandiere volteggianti nel cielo cupo, giullari, nobili e contadini che hanno sfilato a loro agio tra i curiosi "uomini moderni". Cesti di frutta, ghirlande di fiori e tessuti preziosi tra impermeabili fradici di pioggia acida.
Il passato volteggiava leggiadro, noncurante dei nuvoloni neri carichi di pioggia, alla presenza di un progresso che, solo per poche ore, ha cessato di inveire contro il tempo.
Il pomeriggio � volato cos� sotto gli occhi del sovrano e la sua dama, fino a quando l’allarme di un soldato ha seminato il panico nelle strade del borgo, dove un grido incessante ripeteva: "Al fuoco, al fuoco… accorrete, il castello sta bruciando!".
Una scena consumata in pochi minuti, arcieri e guerrieri sono accorsi sotto le mura del palazzo dove quel lontano settembre del 1515 ottocento uomini sono rimasti imprigionati tra le fiamme. Dardi infuocati hanno cercato di combattere il terrore dei soldati agonizzanti, dietro il portale sbarrato e gli inquietanti rumori di guerra.
I tamburi suonavano a morte, mentre le milizie svizzere, vinte, decisero di non scendere mai più sul campo di battaglia per onorare la memoria dei 12.000 caduti nell’inferno di Marignano. Il resto � storia: i francesi dopo la conquista del Ducato di Milano trasformarono la corte in un pulsante centro culturale dove artisti, intellettuali e personaggi eclettici ruotarono intorno al genio di Leonardo da Vinci.
Progetti ambiziosi ritornano oggi dal passato, mentre San Giuliano ha voluto cos� celebrare uno dei capitoli più difficili della storia locale.

o

webmaster@aczivido.net