San Matroniano
nella leggenda e nella storia

  home e-mail portale forum Fiera dei Giganti
 




Sac. Enrico Villa

San Matroniano
nella leggenda
e nella storia


Documenti e note critiche

Milano
Basilica dei SS. Apostoli
e Nazaro Maggiore
1942-XX

 

Premessa
Mi sono chiesto e pensai se fosse il caso di stendere almeno una breve nota a presentazione della raccolta di documenti, pubblicati in parte nel Bollettino parrocchiale “Il Nuovo eco di San Nazaro”, riguardanti san Matroniano, eremita e confessore ed il suo sepolcro posto nella Basilica Apostolorum; la Romana.
Conchiusi con uno spontaneo – sì – se non altro per dire tutta la passione e l'amore che il Clero della Parrocchia dei santi Apostoli e san Nazaro M., interprete del desiderio intenso di S.E. Il Cardinale Schuster, Arcivescovo di Milano, e della venerazione mista a viva curiosità dei parrocchiani, pose nel condurre le ricerche per il possesso della sacre Ossa di Matroniano ed anche per manifestare tangibile riconoscenza ad uomini capaci, che stanno ridonando splendore alla vetusta Basilica.
Precisamente: il Cavaliere del Lavoro Gr. Uff. Ettore Moretti, il dott. Enzo Ferrari, presidente l'uno e segretario l'altro del Comitato Restauri Monumenti di Milano, che in pieno stanno affrontando il complesso lavoro di restauro della nostra Basilica; il prof. Comm. Gino Chierici, R. Soprintendente ai Monumenti della Lombardia, che il restauro sorveglia e dirige.
Recentemente su di un giornale cittadino comparve un breve articolo – Una grande idea – in cui si illustra come nacque il Comitato sopra accennato “di cui è segretario un animatore entusiasta, il dott. Enzo Ferrari, che ha la fortuna di trovare un presidente non meno entusiasta nel Cavaliere del Lavoro Ettore Moretti”. Il programma del Comitato è imponente, per la Basilica degli Apostoli in particolare, “è di grande impegno, con due scopi principali; ripristino della fabbrica romana e ricerca della originale struttura ambrosiana del secolo quarto; inoltre isolamento della basilica e riordino della zona circostante in modo da creare in uno con l'Ospedale filateriano un zona monumentale imponente”.
Come ogni lettore vedrà, con la documentazione che esporrò ho cercato di fare luce attorno alla figura di Matroniano, pur sempre avvolto da leggenda, scrutando tradizione e documenti.
Non si è inteso certamente di esaurire quanto si addice alla figura di Matroniano, si è lungi dal reputare questo; illustri cultori della storia milanese in questi anni hanno scritto parecchio; gli scavi poi in corso serberanno delle sorprese, ed una relazione tecnica sarà donata da chi con perizia dirige e finanzia il restauro.
Nella documentazione lacune vi saranno: una causa è dovuta alla impossibilità di consultare documenti messi al sicuro per il pericolo dell'offesa aerea.
Comunque una piccola pietra si è posta accanto ai mastodontici blocchi di sarizzo, che in umiltà, perchè nascosti, sostengono la Basilica.
La prima parte del lavoro contiene una sintetica esposizione dei documenti liturgici e storici, che dicono di san Matroniano e del suo sepolcro; il che servì a confermare la presenza del sepolcro del santo Eremita nella Basilica degli Apostoli, del quale si era persa ogni sicura notizia nonostante la tradizione locale, ed offrì elementi preziosi durante il periodo degli scavi col facilitare il ritrovamento, avvenuto il 28 novembre 1941.
La seconda parte, messa quale appendice, descrive il ritrovamento del sarcofago e riporta gli atti che seguirono.
Ho lavorato colla certezza di offrire un contributo concreto al lavoro di restauro, certo che i parrocchiani a cui questo opuscolo è dedicato e per loro scritto, sapranno comprendere, sostenere, aiutare l'opera di un totale restauro della Basilica e della sistemazione delle immediate adiacenze con l'erezione di quelle costruzioni indispensabili alla vita spirituale della parrocchia.
Il voto che gli Scolari di san Rocco deposero nelle mani del Card. Federico Borromeo, il 1581, di mantenere perpetuamente accesa una lampada sopra il santo Corpo di Matroniano, perdura; gli Uomini di Azione Cattolica della Parrocchia scegliendo Matroniano a loro Patrono, nell'attuazione del loro apostolato ottimamente agirono; Matroniano, eremita e santo, ritorna ancora, pur sempre avvolto da celestiale leggenda.
don E.V.
Milano, maggio 1942-XX

   

o


sito di propriet� dell'Associazione Culturale Zivido
webmaster@aczivido.net