historia.jpg (19680 byte)

Lombardia

 

Comunicazioni stradali attraverso i tempi: Milano-Piacenza-Bologna
a cura del Dr. Daniele Sterpos

home page


"Via Aemilia" e via da "Placentia" a "Mediolanum": nascita e sviluppo in età romana
Da oltre venti secoli le comunicazioni in senso longitudinale, nella zona tra Milano e Roma, sono assicurate e condizionate insieme da due grandi strade. Una che dal medio corso del Po (facilmente raggiungibile da Milano) viene dritta, nello stesso senso della catena appenninica, a toccare l'Adriatico al margine meridionale della pianura padana; un'altra che da questo punto estremo procede, con direzione fondamentale sud-ovest, verso Roma, e vi arriva con andamento non privo di tortuosità. Queste strade risalgono a due "vie publicae" romane, due arterie tra le più frequentate e famose che l'Antichità abbia avuto: "l'Aemilia", da Piacenza a Rimini, e, da qui a Roma, la "Flaminia".
La via Flaminia venne aperta attorno al 220 a.C. Condotta una grande strada dall'Urbe a Rimini, era naturale che i Romani pensassero a prolungarla verso il cuore della regione padana dove essi, compiuta tra il 225 e il 222 la sottomissione dei Galli di qua e di là dal Fiume, iniziavano ormai la colonizzazione. Nel riassunto del ventesimo libro di Livio, alla costruzione della Flaminia segue immediatamente la deduzione di colonie romane a Cremona e a Piacenza; e da Polibio apprendiamo che l'apprestamento di queste ultime fu accelerato nel quadro dei preparativi di guerra nella primavera del 218.
E' vero che sia per comunicare con le due remote colonie sia per spostamenti di truppe tra il Ticino e l'Adda i Romani potevano valersi, come fecero, anche della via d'acqua del Po. Ma se il fiume toccava e serviva Piacenza, da Piacenza in poi andava sempre più staccandosi dai maggiori centri posti nella pianura alla sua destra: e non erano poche né trascurabili in quella regione, oltre a Piacenza stessa, le località importanti, già state fiorenti sotto gli Etruschi fino al quinto secolo a.C.: Parma, Modena, Bologna, Cesena, Spina e Ravenna. Escluse le due ultime, tutte le località nominate venivano a trovarsi su una linea retta che cominciando al Po e a Piacenza andava a finire precisamente a Rimini, città anch'essa di origine umbro-etrusca. Alla linea astratta di congiunzione era venuta certo a corrispondere sul terreno una traccia di strada, a partire almeno dal periodo etrusco, quando quelle città, economicamente evolute e legate da un vincolo di alleanza, avevano fra di loro continui contatti; e l'invasione gallica non aveva potuto cancellarla.
Alla costruzione di una "via publica" dall'estremo nord della Flaminia fino a "Placentia" i Romani erano perciò spinti da ragioni militari e politiche, ed è probabile che non avrebbero esitato a porvi mano se non fossero sopravvenuti lo scoppio della guerra annibalica e la perdita della Cisalpina.
Quando però i Cartaginesi furono vinti e Roma procedette alla rioccupazione sistematica della pianura padana, rafforzando la conquista coll'estirpare la guerriglia dal paese dei Liguri, non si perse altro tempo.
La necessità di una strada sicura per i movimenti nella Cisalpina era emersa anche dalle crude esperienze di quegli anni di lotta. Due gravi rotte ebbero i Romani nella pianura del Po al tempo della seconda guerra punica, perchè attaccati durante marce di trasferimento. La prima nel 218, la seconda, irreparabile, nel 216, poco dopo Canne. Dalle descrizioni dei due combattimenti abbiamo un'approssimativa idea della regione, e dell'Emilia in particolare: distese di piante d'alto fusto e macchie, alternate a pianure aperte poco coltivate, prevalentemente erbose; e si può ben anche pensare a vasti acquitrini e a canneti, se Strabone al tempo di Augusto affermava essere stata la zona una volta ricca di paludi. In terreno di tal fatta la viabilità doveva incontrare ostacoli assai grandi. Indubbiamente i Romani tornando da padroni nella parte meridionale della pianura padana sentivano che le esigenze militari e l'ubicazione dei principali abitati sollecitavano la costruzione di una grande via traversale; ma la natura del terreno e le condizioni dei sentieri utilizzabili esistenti non erano tali da incoraggiarli.

o


indice argomento

Soc. Concessioni e Costruzioni Autostrade p.a (Gruppo I.R.I.) - Ed. Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1959



sito di propriet� dell'Associazione Culturale Zivido
webmaster@aczivido.net