historia.jpg (19680 byte)

Lombardia

 

Comunicazioni stradali attraverso i tempi: Milano-Piacenza-Bologna
a cura del Dr. Daniele Sterpos

home page


Passaggi di Carlo Magno.
Con l'avanzata oltre il Panaro sembra che i Longobardi stiano per concludere vittoriosamente la secolare lotta contro i Bizantini; si inizia invece un ciclo di vicende che condurrà alla rovina il loro regno, destinato a cadere nel 774 sotto Carlo magno. Effettuata la conquista il re franco, la cui politica era fondata sull'intesa col papa, tornò spesso in Italia e spesso scese fino a Roma. Troppo poco si sa dei suoi itinerari per precisare se e quando in queste occasioni egli abbia percorso tutta la via Emilia, ma certo il grande sovrano che dominò non solo il suo secolo, ma tutto il Medioevo, affascinando attraverso la storia e la leggenda innumerevoli generazioni, fu tra coloro che batterono la via maestra da Piacenza a Bologna e sostarono nelle principali località da essa toccate.
La presenza di Carlo è documentata a Parma durante il viaggio a Roma per la incoronazione dei figli (781): in quella città Carlo incontrò il dotto Alcuino che da Roma tornava e lo invitò a stabilirsi presso di sé, acquistando così un impareggiabile "precettore" e consigliere, l'anima del movimento culturale che irraggiò dalla corte di Aquisgrana. A Bologna Carlo sicuramente sostò, durante un viaggio a Roma, nel 786; e ancora nell'801, ritornando dalla memorabile incoronazione imperiale che lo aveva consacrato capo dell'Occidente cristiano. Molto meno sicuro è il suo passaggio sulla strada Milano-Piacenza: venne certo una volta a Milano dopo essere stato a Roma, ma probabilmente toccando prima Pavia.
Sotto Carlo e sotto i suoi successori il territorio tra Milano, Piacenza e Bologna rientrava in un'unica sovranità, eccettuata Bologna stessa che concessa dai re franchi al papa ebbe una condizione giuridica assai particolare, ma che venne sempre più accostandosi all'Impero con un'evoluzione che era ormai completa nel secolo X. Alle comunicazioni lungo la principale direttrice, segnata dalle due grandi strade di origine romana, non si oppongono più ostacoli di frontiere. L condizioni dell'Italia superiore nei secoli IX e X non sono tuttavia tali da far supporre un'attività particolarmente intensa su queste vie, specie di viaggiatori che vadano dall'un estremo all'altro: il sistema feudale istituito dai Carolingi tendeva a immobilizzare la vita nell'ambito del castello e a limitare il numero di coloro che avevano interesse e possibilità di compiere spostamenti rilevanti.

o


indice argomento

Soc. Concessioni e Costruzioni Autostrade p.a (Gruppo I.R.I.) - Ed. Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1959



sito di propriet� dell'Associazione Culturale Zivido
webmaster@aczivido.net