historia.jpg (19680 byte)

Lombardia

 

Comunicazioni stradali attraverso i tempi: Milano-Piacenza-Bologna
a cura del Dr. Daniele Sterpos

home page


Papa e imperatore convengono a Bologna: sistemazione politica dell'Italia.
L'imperatore sbarcò a Genova e raggiunse Piacenza. Vi si trattenne più di due mesi, il 27 ottobre partì per Bologna. Era l'ultima tappa di un faticoso e vittorioso cammino: a Bologna egli doveva inappellabilmente decidere l'assetto politico dell'Italia, e là aveva convocato il papa suo ex nemico, per fissare una condotta comune. Da Piacenza a Bologna l'imperatore percorse la via Emilia. Questo itinerario, sebbene così naturale, stava per essere scartato da Carlo V per motivi politici; e l'averlo poi scelto favorì il duca di Ferrara, perchè gli diede l'attesa occasione di abboccarsi con chi doveva decidere anche la controversia per Reggio e Modena fra lui e la Chiesa. Infatti Carlo, dopo esser transitato per Borgo S.Donnino e Parma, arrivò a Reggio, e vi si trattenne con il duca; il primo novembre i sovrani vennero insieme a Modena, e il giorno di poi Carlo proseguì per Bologna.
Nella città emiliana si trovava il pontefice da vari giorni. Quando Carlo V arrivò a Borgo Panigale fu accolto sulla strada dal Sacro Collegio quasi al completo. Il cardinale Farnese lo guidò fuori della via Emilia, alla Certosa, perchè sostasse in attesa del solenne ingresso che ebbe luogo l giorno dopo, 5 novembre. Alle tre pomeridiane l'avanguardia del corteo entrava per porta S.Felice, dove era stato composto un grandioso "trionfo di Nettuno" coll'iscrizione "Ave Caesar Imperator Invicte". Il papa attendeva davanti a S.Petronio.
Nei giorni successivi ebbero luogo i colloqui politici. Carlo sistemò autoritariamente la Penisola secondo i propri interessi: temporeggiò per Modena e Reggio, ma già pensando di restituirle, come poi difatti fece, al duca Alfonso d'Este. Milano rimaneva a Francesco Sforza, figlio di Ludovico il Moro, ma alla sua morte doveva essere devoluta all'Impero. Ciò accadde nel 1535; con la divisione dei possessi di Carlo V, il Milanese, malgrado la formale autonomia, divenne una provincia spagnola. Nel 1545 nasceva in Emilia un altro stato: Parma e Piacenza furono allora costituite in ducato per i discendenti di papa Paolo III Farnese. Con tale cambiamento la Chiesa venne a perdere tra l'altro i diritti per l'attraversamento del Po in prossimità di Piacenza, e ne restò danneggiato un uomo fra i più grandi nel campo delle arti figurative, fiorente allora come non mai: Michelangelo. A lui infatti papa Paolo II aveva concesso nel 1535 a compenso dei lavori eseguiti in Vaticano "il passo del Po presso Piacenza", ossia i pedaggi per l'uso del traghetto o del ponte di barche pagati soprattutto da chi faceva la Milano-Piacenza. L'artista, viste le complicazioni che erano sorte, si disponeva a rinunziarvi appunto nel 1545: "Di poi vo' pensare alla vita mia, perchè son vecchio e non posso più durar fatica. El porto che mi diede il papa lo voglio rinunziare, perchè tengo a disagio troppi e per buono rispetto non mi piace tenerlo, e però mi bisogna fare qua un'entrata per poter vivere"; così scriveva al nipote Leonardo.
Le lotte tra Francia e Spagna continuarono fino al 1559, ma la situazione in Italia non mutò. Con il congresso di Bologna veniva praticamente chiuso un ciclo di avvenimenti iniziato con la spedizione di Carlo VIII. A un sistema equilibrato di stati italiani si era sostituita, attraverso complicate e dolorose convulsioni di cui le nostre strade avevano visto non piccola parte, l'incontrastata supremazia di una potenza straniera.
Ora la strada diretta che conduce da Milano a Bologna, attraverso Piacenza, in parte si snoda entro territori direttamente governati da questa potenza, in parte entro piccoli stati in evidente soggezione davanti ad essa: ciò caratterizzerà la sua vita nell'età successiva, per più di un secolo e mezzo.

o


indice argomento

Soc. Concessioni e Costruzioni Autostrade p.a (Gruppo I.R.I.) - Ed. Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1959



sito di propriet� dell'Associazione Culturale Zivido
webmaster@aczivido.net