echi di stampa

La Svizzera compra un pezzo d'Italia

Il console svizzero in Italia Fritz von Ins lo conferma: "Abbiamo intenzione di acquistare una fettina di Val Padana, e per la precisone gli 8mila metri quadrati a sud di Milano che delimitano i comuni di Melegnano, San Giuliano, Cascina Santa Brera, Mezzano e Zivido". Nessuna trattativa ufficiale è ancora in corso, ma è certo che da oltre un anno la Confederazione elvetica esamina la possibilità di rilevare quei territori, a una ventina di chilometri dal capoluogo lombardo, che il 13 e 14 settembre del 1515 furono teatro di una grande battaglia: 30mila mercenari svizzeri al servizio del duca di Milano Massimiliano Sforza furono sconfitti dalle truppe franco-veneziane al comando di Gian Giacomo Trivulzio.
Una battaglia combattuta per il dominio sulla Lombardia, che fu detta "La battaglia dei giganti" per i numerosi atti di eroismo di cui fu teatro e fu l'ultimo bagno di sangue per i soldati svizzeri.
Come mai solo ora si fa strada l'ipotesi di un riscatto territoriale? Ce lo spiega il console von Ins: "Quell'episodio è stato determinante per la nostra nazione, ha rappresentato la chiave di volta della nostra politica estera, decidendo l'astensione elvetica da ulteriori guerre internazionali. Insomma è un simbolo, e per questo siamo sempre rimasti molto legati a quei territori, dove tra l'altro è stato eretto un tempietto a commemorazione dei nostri caduti. Abbiamo persino fondato un'associazione Pro Marignano (l'antico nome di Melegnano, teatro della battaglia) e organizzato spesso pellegrinaggi e cerimonie sul luogo. Poco lontano sorge la chiesetta di Zivido che conserva sculture di soldati svizzeri e lapidi con i nomi dei combattenti".
Tutto ciò è continuato fino ad oggi senza problemi, ma i primi palazzoni, supermarket, case e strade costruiti in una zona di valore tanto simbolico per gli svizzeri hanno fatto cambiare rotta al Consiglio federale elvetico. "Noi - continua il console - vogliamo salvaguardare queste terre dall'espansione edilizia, rilevarle perchè continuino a costituire un'area verde, con campagne da coltivare e prati".
Dal comune di San Giuliano Milanese il sindaco Egidio Gilardi replica che la zona è vincolata a verde pubblico, e che recentemente si è provveduto al restauro della chiesetta di Zivido, badando anche a ricostruire la stradina antistante la chiesa con il tipico selciato cinquecentesco. "Facciamo tutto il possibile - conclude il sindaco - per la conservazione di questa storica area, ma se gli svizzeri vogliono acquistarla per assicurare una conservazione anche migliore non abbiamo nulla in contrario".
Il finanziamento per l'acquisto, il cui costo si aggira sugli 8 miliardi, è comunque legato alla vendita della medaglie che saranno coniate nel 1991, in occasione del 700 anniversario della nascita della Confederazione elvetica.

(di Laura Matteucci, "L'Unità", 25.02.1989)

 
 
 
home


sito di proprietà della Associazione Culturale Zivido
webmaster@aczivido.net