sgmcolorlogo.jpg (11268 byte)
sgmcolorlogo1.jpg (14160 byte)

stampa locale


Sguardo Panoramico giornale di informazione su San Giuliano


La nuova chiesa

Chi ha visto il plastico della nuova chiesa o meglio (conoscendo il disegno) ha visto le tavole esposte in quella che era la casa del sacrestano, si è domandato perchè si è voluto fare una chiesa così strana ed originale. Certo che era facile costruire dietro la facciata (che essendo monumento nazionale è intoccabile e quindi da mantenersi) un capannone pureo e semplice. Questo però non poteva creare un clima di chiesa; a questo si sarebbero opposti gli stessi sangiulianesi che vogliono per la dignità del loro paese "una bella chiesa".
La forma data alla nuova chiesa parte da alcune situazioni di fatto. La facciata infatti deve risultare senza alcune strutture che la disturbino, questo chiede la Soprintendenza; la via XI Febbraio deve essere allargata questo chiede il Piano Regolatore; la casa parrocchiale è costruita da soli due anni; il cortile dell'Oratorio femminile deve essere più grande possibile e questo lo esige una sana pedagogia.
L'Architetto poi ha avuto le sue buone ragioni dopo una decina di progetti e quasi due anni di studi. Certo la struttura interna risponde ai criteri di una chiesa moderna. E' infatti semplice, funzionale e le stesse strutture in cemento armato hanno assunto forme decorative. Sono messe in giusto rilievo le parti più valide. tali sono l'altare, il battistero, i confessionali.
L'altare con la mensa rivolta al popolo è centro di tutta la chiesa. Sarà l'ambiente messo più in rilievo e come posizione e come luce. Alla stessa quota sono stati posti gli amboni per le letture bibliche, la mensa e il presbiterio, per significare l'importanza e il valore che queste cose ricoprono per il cristiano. Il battistero dove la vita cristiana ha avuto inizio, è ben visibile a chi entra in chiesa. Quote diverse significano i vari passaggi dal non cristiano prima del battesimo al cristiano dopo.
Così sono messi in ambienti discreti ma con struttura stabile, i confessionali tanto per gli uomini quanto per le donne. L'aver abolito poi tutte le colonne darà alla chiesa un senso di respiro e di vastità. Da tutti i punti infatti l'altare sarà visibile cosicchè le cerimonie saranno più seguite o meglio comprese. Sarà creato anche un vasto pronao che preparerà il fedele all'incontro con Dio.
La travi di collegamento tra i vari pilastri daranno un movimento armonico al soffitto. Completeranno la chiesa vera e propria due sacrestie, un ufficio-archivio ed una sala per adunanze. la chiesa invernale che servirà anche da cappella per l'oratorio femminile sarà utilizzata nei giorni feriali. Il riscaldamento studiato dalla ditta Scolari sarà tra i più moderni oggi in commercio.
L'Architetto G. mariotti ideatore-progettista ha voluto dare alla "sua" S. Giuliano una chiesa architettonicamente valida e perfettamente funzionante. Sul nostro giornale ne illustrerà nei prossimi numeri le varie parti. Attualmente i lavori procedono con ritmo celere. La generosità dei sangiulianesi ricchi e poveri è continua anche perchè vedono nella nuova chiesa che sorge il simbolo della nuova S. Giuliano cattolica.

(da "Sguardo Panoramico", giornale d'informazione sangiulianese, n.1, anno I, settembre 1964)


indice del sito - sguardo panoramico



sito di propriet� dell'Associazione Culturale Zivido
pierino.esposti@gmail.com