sgmcolorlogo1.jpg (14160 byte)

la storia

o

La comparsa del vaiolo

(1920) Sul principio di febbraio nelle frazioni del comune di S. Donato fece la sua comparsa il vaiolo. Non � a dire quale e quanto non fu lo sgomento! Sgomento cresciuto quando avvenne qualche caso anche a Viboldone, purtroppo seguito da morte.
S'era scelto come luogo di isolamento l'oratorio di S. Matroniano esistente nella parrocchia di Sesto Ulteriano ma non se ne fece uso. Quei pochi che furono colpiti dal male, vennero ricoverati nel lazzaretto di San Donato.
Si fecero questue, tutte le frazioni fecero cantar Messa, dare benedizioni per implorare la divina clemenza e la signora Fiocchi Ester del Bettolino regal� alla chiesa una statua di San Rocco acquistata a Milano presso la Ditta F.lli Bertorelli. La feci collocare nella cappella della Madonna alloggiandola sulla credenza ivi esistente addossata l'altare.
Trascorsi i primi momenti di fervore e cessato ogni timore del vaiolo S. Rocco fu quasi dimenticato, ed allora rimossa la statua dalla cappella della Madonna, la alloggia sull'altare del crocefisso collocandola fra i candelabri al posto del tabernacolo.
Nel 1922 dopo le domeniche e la festa di S. Luigi nel qual tempo la statua del santo era stata collocata sul tabernacolo dell'altare della Madonna al posto della statua di S. Luigi posi quella di S. Rocco che per tal modo rimase più in vista, mentre prima era nascosta.

(da "Liber Chronicus" 1895-1923, Vol.I, archivio storico Parrocchia di San Giuliano Martire, San Giuliano Milanese)

 

indice del sito


sito di propriet� dell'Associazione Culturale Zivido
pierino.esposti@gmail.com