o

La Battaglia sui libri

Vignati G.

Il decreto di Francesco I
Re di Francia per la
fabbrica della chiesa e
del monastero della
Vittoria in Zivido
presso Melegnano
(anno 1518-15 gennaio)


Archivio Storico Lombardo,
Giornale della
Società Storica Lombarda,
serie seconda, Milano 1891

E' il più importante documento, e pur tuttavia desiderato, tra quelli pubblicati dal Sac. Raffaele Inganni nella sua pregievole relazione storica dell'Origine e vicende della Cappella Espiatoria Francese a Zivido presso Melegnano; ricordata in questo Archivio l'anno 1889 a pagine 456-459.
Nessuno può dubitare che il Sac. Inganni, che tanto fece per ritrovare il luogo dove sorgeva la "Cappella Espiatoria" e gli avanzi di essa e dell'attiguo monastero, non abbia egualmente fatto le più diligenti ricerche di tutti i relativi documenti. Eppure il Decreto di Francesco I di Francia per scioglimento del suo voto, fotto la notte avanti la celebre battaglia di Melegnano, esisteva e giacque fino a ieri dimenticato e sconosciuto tra le carte lasciate da un cittadino di Lodi, di cui è serbata memoria nel primo documento (A), pag.147 della predetta relazione storica.
In questo documento tra i nomi dei molti testimoni presenti all'istrumento di vendita, che il signor Carlo Brivio fece agli agenti del Cristianissimo Re di Francia, di una vigna di 115 pertiche per fabbricarvi la chiesa e il monastero della Vittoria, trovasi un "Dominus Aijmus de Vignate Comissarius Generalis super reparationibus, filius quondam D. Jacobi habitator et civis Laude in vicinantia S. Leonardi". Qui, non so per quale inesattezza e di chi, corse un errore di nome, perchè con evidenza di fatti si può dimostrare che non "Aijmus" ma "Albertus de Vignate filius D. Jacobi", ecc, come sopra, era di quel tempo "Comissarius generalis super reparationibus"; del quale Alberto, autore dell'Itinerario Militare, manoscritto esistente nella Biblioteca di Brera, e delle memorie storiche del Ducato di Milano, dal 13 agosto 1447 all'11 dicembre 1513, si hanno notizie nel volume di questo Archivio, anno 1884, pag. 593-595.
Nell'Archivio dell'Ospedale maggiore di Lodi si trovano molti scritti di esso Alberto Vignati e corrispondenze epistolari. Nel 1509 è provveditore dell'esercito francese in Italia; nel 1510 propone dei lavori per preservare la città di Lodi dalle corrosioni del fiume Adda e per riparare ad uso del regio esercito i ponti e le strade del Lodigiano; nel 1511 ci è conservata la seguente lettera di Luigi XII:
"Ludovicus Dei gratia Francorum Rex ac Mediolani Dux, etc.
Dilectis nostris Commissario taxarum, locumteneti Dilecti nostri collateralis generalis et preafectis rebus gerendis civitatis nostrae Laude salutem.
Laudantes diligentiam vestram quae adhibetur in advehendis victualiis ad exercitum nostrum feno maxime et blada equorum si ita sit ut litteris vestris ad Benedilectum Presidem et Mediolani Vicecancellarium directis intelleximus, quia tamen ad nos per carissimum consaguineum nostrum Johannem Jacobum Trivultium Marchionem Viglebani et Franciae Marescallum in praesentia etiam seribitur exercitum ipsum conductione ipsarum victualium non multum relevare, quia etiam nunc inedia laborare vobis comittimus et denuo mandamus, ut quanta diligentia potestis omnem operam navetis ut victualia ipsa fenum potissime et blada equorum in maiori quantitate quae haberi possit, conducantur ad castra ipsa nostra. Nam praeterquam quod si secus fieret nobis molestum esset: adhibitam essemus etiam ulteriorem provisionem per quam ut non expectata alia opera vostra provisum esset: indemnitati dicti exercitus nostri; ita ut palam esset, vos devotioni erga nos, quam de Vobis concepimus minime responderere. Praetera ne damnum aliquod civitas ipsa Laudensis aluvione fluminis abdue patiatur, utque flumen ipsum juxta morem divertatur vobis Commissario taxarum harum et serie comittimus, ut juxta formam incantus superinde facti omnibus promptioribus juris remediis efficacioribus etiam praeceptis paenalibus et muletis camerae nostrae applicandis compellatis renitentes opifices et laboratore qui expedientes erunt, assumendos ex unaquaque terrarum agri laudensis juxta solitum, ut onus ipsum omnibus compartiatur ad perficiendum opus ipsius diversionis, proviso qiod eis eum effectu satis fiat de condigna mercede. Datum Mediolani vigesimo octavo Martii, anno Domini MDXI.mo et regni nostri XIII.mo.
Per Regem Mediolani Ducem
Ex relatione Consilii
V. Castillion"
Nel mese di giugno dello stesso anno il Magnifico Lorenzo Mozzanica nomina Alberto Vignati suo Vice-collaterale per la città e la diocesi di Lodi.
"Laurentius Mozanicha Regius Consiliarius ac Collateralis generalis etc. havendomi il christianissimo Signore Re, et duca nostro constituito Collaterale generale, in questo illustrissimo suo dominio solo, et non potendo io intervenire personalmente ne de continuo, in tuti li lochi opportuni, per provedere a le occurentie de lhoffitio mio; Mi he parso conveniente et necessario provedere de persone che suppliscano al bisogno in absentia mia. Per la quale cossa confidatomi amplamente de la suffitientia, fidelita, et experientia del Nobile Messer Alberto Vignato, praesentium tenore, lo constituisco et deputo vicecolaterale seu locotenente mio nela cita et episcopato de Lode; con quella arbitrio et possanza; cusì in fare le scriptione, novitade, et monstre ali potestate, capitaneo di deveto, conestabili de porte et familia dessi sopra nominati, como in reprimere et punire li manchamenti et transgressione de ordini cometterano le famiglie, servitori et altri fanti del magnifico Commissario Potestate referendario capitaneo de deveto, connestabili de porte et de qualcuna altro offitiale che seranno mandati fora ad fare executione reale et personale, et seu in possessione, et in tute le altre cosse pertinenti a loffitio mio predicto, che sono concesse a me proprio: como largamente disponeno li ordini a luy mandati, per me facti die quintodecimo Martij MD. quinti, Mandando per questa a qualunca offitiale, et subdito regio che al dicto Messere Alberto Vice colaterale et Locotenente mio ut supra; in le cosse che li occoreranno concernente la dicta impresa li prestano omne adiuto et favore che gli acerchara; Ac gli prestano obedienzia, non manco fariano se io proprio li recerchasse et comandasse. Et hijs modo et forma se contene ne le litere regie furono scripte al principio de questa mia impresa. Non mancando alcuno, per quanto hanno cara la gratia de la prefata Christianissima Regia Mayesta.
Datum Mediolani sub fide sigilli mey die Duodecimo mansis Junij Millesimo quingentesimo undecimo.
Laurentius. Aug.s Scanz.s"
Lo stesso re di Francia approva le proposte fatte da Alberto Vignati e lo incarica di farle eseguire:
"Ludovicus Dei gratia Francorum Rex, Mediolani Dux, etc.
Dilecto Alberto De Vignate Vicecollaterali et commyssario super stratis agri laudensis salutem.
Visis quae per vos nobis rescripta fuerunt circa refectionem viarum et pontium agri istius nostri laudensis, quod opus non solum publicam ittinerantium omnium utilitatem, sed et status conservationem, et decus concernunt, vobis mandamus ut circa omnia exposita in annexis vestris litteris procedatis, ita qiod cim effectu refectiones et reparationes ipsae stratarum et pontium ubique fiant adhibendo ea amnia remedia quae opportuna sint, cogendo ad contributionem omnse illos cujuscumque gradus et preheminentiae sint qui in decretis vel ordinibus supra Laude et circumstantibus continentur non habens ulla personarum aut locorum acceptionem; procedendo per paenas et muletas camerae nostrae applicandas et alia quaecumque juris remedia; Ita ut omnino pro dicta executione vobis pareatur.
Datum Mediolani die XIII septembris 1511 et regni nostri XIII.mo.
Per Regem Mediolani Ducem
Ex relatione Consilij, Castillions."
Ristaurati gli Sforza nel dominio del Ducato di Milano (1513) Alberto Vignati, come partigiano di Francia, fu imprigionato nel castello di S. Angelo al Lambro - e poi. egli narra: "mi partiti de la presone e mi n'andai vagabondo". Fu breve quella vita d'esilio perchè due anni dopo egli è di nuovo al servizio dell'armata francese discesa in Lombardia guidata dal re Francesco I, il quale, dopo la battaglia di Melegnano, lo nomina "Ministre des ouvrages de nostre Duché de Milano", che è quanto dire Commissario generale delle costruzioni del Ducato di Milano col seguente decreto:
"Francois par le grace de Dieu Roy de France Duc de Milano, Signeur de Gene, etc.
A tous ceux qui ces presentes lettres verront salut. Scavoir faisons que pour la bonne relation qui faicte nous à estè de la persone de nostre cher et bien aimé Albert de Vignate et de ses sens suffisance, loyeulté, preudhomie et bonne diligence a icelluy pour ces causes et aultres a ce nous mouvans Avons donnè et octroyè, donnons et octroyons par ces presentes L'office de Ministre des ouvrages de nostre Duchè de Milano que a par ey devante tenu et exercé Jehan Antoine Imperial, lequel pour aulcunes iustes causes et consideration a ce nous mouvans nous avons deschargé et destituè, deschargeons et destituons dudict office. Pour iceliuy office avoir tenir et doresenavant exercer par lodict Albert de Vignate aux honneurs, droicts, gaiges, franchises, libertes, proficts et emolumens accoustumes et qui y appartiennent tant quil nous plaira. Sy donnons en mandement par cesdictes presentes à nostre ami et feal Chancelier de France et de Milan que audit Albert de Vignate prins et receu le serment en tel cas accoustumè Icelluy mette et institue ou face mettre et instituer de par nous en possession et saisinè didit office, et dicelluy ensemble des honneurs, gaiges droicts, franchises, libertes, proficts et emolumens dessusdicts le face souffre et laisse iouyr et user plainement et plaisiblement et a luy obeir et entendre de tous ceulx et a qui il appartiendra eschoses touchans et concernans ledict office. Mandons en oultre a nostre ami e feal Canseillier sebastien Ferrier chevallier general ayant la charge et administration de nos finances tant ordinaires que extraordinaires de nostredit Duchè de Milan, que par nostre ami et feal Notaire et Secretaire maistre Jean Grollier Tresories et receveur general de nos finances en icelluy Duchè ou aultre que les gages et droicts audict office appartenans à accoustumes de payer il face iceuls payer, bailler et delivrer audit Albert de Vignate dorsenavant par chascun an aux termes et en la maniere accoustumes. Les quels en rapportans cesdites presentes ou vidimus dicelles faict subs scel Royal ou Ducal pour une fois avec quitance sur ce suffisante dicelluy de Vignate seulement. Nous voulons estre allues es comptes et rabbatus de la recepte de nostredit Tresorier et Receveur general ou d'autre qui payes les aura par nos amis et feaux les gens de nos comptes a Paris ausquels nous mandons ainsy le faire sans difficulté. car tel est nostre plaisir En temoing de ce nous avons faict mettre nostre scel ausdictes presentes.
Donnè a Milan le 17 iour d'Octobre l'an de grace mil cinq cens et quinze et de nostre Regne le premier.
Par le Roy Duc de Milan
De Neufville
Prestitit Juramentum modo et forma solitis in manibus Domini Francie et mediolani Cancellarij Anno Domini Millesimo quingentesimo quinto decimo die vigesima Novembris me presente. G. Tulhas.
Cartha Cum sigillo magno impendens in cera rubea in capsula tola rotonda."
Pare che Alberto Vignati occupasse quell'alto ufficio sino alla disfatta dell'esercito francese e la prigionia di Franceso I presso Pavia; nondimeno è certo che lo teneva ancora più di un anno dopo l'Istrumentuo di vendita sopracennato al documento (A). Ciò risulta da una annotazione di Alberto Vignati, scritta da lui medesimo in fine al suo Itinerario Militare, colla quale afferma che quel libro fu "compilato" nel giugno 1496 - "et perfecto a di primo marzo 1519, regante Francesco de Valois, primo re Cristianissimo de Franza di tal nome, et duca de Milano, per mi Alberto Vignato lodigiano, regio commissario generale de le riparazioni de le fortezze del prelibato Cristianissimo re in lo dominio de Milano"
Tutte queste ricerche, avvalorate da documenti tuttavia inediti e di qualche pregio anche per gli studiosi della storia di quell'epoca disastrosa per l'Italia e specie per la Lombardia, parvero non inopportune a dimostrare evidentemente, 1° che il nome di Aijmus dato al Vignati invece di Albertus è un manifesto errore dell'amanuense, o di male interpretata breviatura, o di stampa; 2° che il "Commissario generalis super reparationibus", era allora veramente Alberto Vignati; in fine, a togliere ogni dubbio sull'autenticità del Decreto di Francesco I per l'erezione della Cappella Espiatoria in Zivido, il qual decreto, naturalmente per ragione d'ufficio, doveva trovarsi presso il reale "Ministre des ouvrages du Ducé de Milano". Ora ecco il Decreto:
"Franciscus dei gratia Francorum Rex ac Mediolani Dux, etc.
Benedilecto ac fideli senatori nostri Sebastiano Ferrerij Generali finatiarum Status Mediolani salutem. Commisso apud locum Zibidi ac prope Sanctum Julianum praelio; et victoria de forti tunc hoste nostro per nos obtenta, gloriam ut Deo onnipotenti honorum omnium largitori tribueretur, templum in Redentoris nostri et Beatissimae Virginis ejus matris honorem ibi dicare; et caenobium plurimu honorum religiosorum adjungere constituimus quo semper adsint; qui divinae benignitati gratias agant; ac pro salute tot illustrium et clarorum virorum, qui ibidem fortiter pugnando utrinque ceciderunt perpetuas effundant preces; quod ........ (E' logora la carta da non comprendere le lettere. La lacuna sarebbe di una, o al più due parole). Benedilecto ac fideli Senatus nostri Vicecancellario vobisque simul negocium demandavimus. Inprimisque commissimus: curaretis ex terris circumjacentibus tantum emere, quantum sufficiat atque expediat pro templi et caenobij dignitate, ac religiosorum commodo. verum ut recepimus nonnulli adsunt, qui ejusmodi prediorum alienationi difficiles se praebent quamvis dignum offeratur precium. Quare ne hac renitentia tam pium opus differatur, vobis mandamus ut habentes in loci praedictis predia opportunis remediis cogatis ad vendendum et libere relaxandum tantum ex ipsis predijs quantum sufficiat pro eorundem tampli et caenobij constructione ac religiosorum commodo: facta tamen prius ipsis venditoribus actuali solutione precii ipsorum honorum juxta aestimationem per aliquos probos viros de valore ipsorum honorum faciendam.
Datum Mediolani die XV Jaunuarij anno domini MDXVIII et regni nostri quarto.
Per Regem Mediolani Ducem ad relationem Ill.mi Domini Locumtenentis. Princivallus"


indice sezione - archivio



sito di propriet� della Associazione Culturale Zivido
pierino.esposti@gmail.com