i Giganti


E' una delle figure più importanti della prima spedizione in Italia di Francesco I. Comandante le avanguardie dell'armata francese, nella battaglia di Marignano (in realt� nel borgo di Zivido) tenne con tenacia e valore il fianco destro dello schieramento fra la Roggia Nuova ed il fiume Lambro

Una delle figure più sconcertanti della storia di Francia ed anche d’Europa, ch� le sue imprese valicarono i limiti del suo paese, � il Connestabile di Borbone, il quale ha nelle vene sangue dei Re di Francia e sangue italiano, essendo figlio di Chiara Gonzaga dei marchesi di Mantova.
Per nascita e per matrimonio riunisce il dominio su signorie e territori cos� estesi che la corona ad un certo punto vuole incamerarli; aggiungasi le pressioni di Luisa di Savoia madre del Re, che vuol sposarlo ad ogni costo, lui nolente, per quanto più vecchia di tre lustri. Ne nasce un tremendo affare di stato che sfocia nel grande tradimento: Carlo duca di Borbone, gran connestabile di Francia, cugino del Re, passa ai servigi di Carlo V e si trova sul campo di Pavia il 24 febbraio 1525 contro lo sconfitto Francesco I.
Tanto celebre la sua vita quanto famosa la sua morte nella scalata delle mura di Roma: viene ucciso da un colpo d’archibugio sparato da Benvenuto Cellini, come il medesimo racconta nella sua vita con altrettanto colore quanto con dubbia verit� (1527).

 

i Giganti


sito di proprietà della Associazione Culturale Zivido
pierino.esposti@gmail.com